Category Archive Pozzi Perdenti

prova infiltrometrica

Il Pozzo Perdente

Il Pozzo Perdente è una delle conclusioni a cui giunge lo studio d’Invarianza Idraulica, da comunicare agli Enti Preposti.

Ma cos’è questo Pozzo ?

È detto pozzo perdente un qualsiasi tipo di pozzo naturale o trivellato o scavato a mano che serve a convogliare nel sottosuolo e quindi a disperdere in esso le acque piovane raccolte dai tetti e dai piazzali degli edifici (sia civili che industriali).

pozzo perdente

Il pozzo viene generalmente realizzato con anelli circolari forati, prefabbricati in calcestruzzo, autoportanti con  innesto a bicchiere, chiusi superiormente da un coperchio in calcestruzzo pedonale.

Sul fondo viene posato uno strato di pietrisco di 40 cm (minimo) per costituire il piano di posa e garantire il drenaggio delle acque impedendo il ristagno delle stesse.

Sulla superficie laterale degli anelli viene installato un tessuto non tessuto per evitare l’introduzione di corpi estranei nel pozzo e garantire l’effluvio delle acque anche attraverso le pareti, circondate anche esse da uno strato drenante in pietrisco per uno spessore di 50cm (minimo).

L’importante è che i terreni siano in grado di drenare le acque così convogliate.

Per fare ciò tecnici esperti (come quelli di Foldtani) devono fare accurati studi sull’infiltrazione nel sottosuolo.

prova infiltrazione
Pavimento Drenante

I Pavimenti Drenanti

I pavimenti drenanti sono molto importanti per permettere contemporaneamente all’accesso carrabile agli edifici e disperdere (parzialmente) le acque.

Vanno studiati nel principio dell’Invarianza Idraulica.

I pavimenti drenanti, grazie alla loro capacità di lasciar passare nel sottosuolo gran parte della pioggia che vi cade, riducono il ruscellamento superficiale (“runoff”), evitando di dover raccogliere e smaltire le acque con appositi sistemi.

Inoltre evitano le “noiose” pozzanghere in giro per il piazzale.

Innanzitutto bisogna essere sicuri che nell’area dove andranno posati i pavimenti drenanti, non vi sia rischio di contaminazione potenziale dei terreni sottostanti e delle falde acquifere.

In pratica se si parla di pavimenti per abitazioni, rischi particolari (a parte perdite delle automobili) non sono presenti.

Diverso è il discorso per le aree industriali, soprattutto quelle che trattano-producono-depositano sostanze potenzialmente inquinanti.

In questo caso è fortemente sconsigliato (se non proibito) utilizzare pavimenti drenanti.

verifica invarianza

I Pavimenti drenanti sono sostanzialmente di tre tipi:

  • Pavimenti a GIUNTI ALLARGATI: i giunti di questi pavimenti vengono riempiti con una graniglia frantumata priva di parti fini e sono posati su uno strato di allettamento dello stesso materiale di circa 5 cm di spessore steso, a sua volta, su uno strato di base con un ridotto contenuto di parti fini.
  • Pavimenti GRIGLIATI : vengono usati in zone a traffico veicolare di bassa intensità. Vengono posati su sabbia e i vuoti sono riempiti con aggregati o terreno vegetale ed erba.
  • Pavimenti FILTRANTI: si tratta di pavimentazioni costituite da un particolare mix-design, testato in laboratorio, del calcestruzzo, che lascia passare l’acqua. Vengono posate su sabbia e fondazione di misto granulare.

La scelta del tipo di pavimento deve essere fatta in modo accurato, in base ad un progetto specifico.

MAI partire dal prezzo dell’intervento: soluzioni economiche postano spesso a risultati molto scarsi.

infiltrometro

La progettazione deve essere accurata e fatta da personale competente.

Sono molti i fattori che aiutano a progettare i pavimenti drenanti:

  • Situazione geologica del sito
  • Andamento della piovosità locale (che va calcolata sul lungo periodo)
  • Situazione meteo-climatica locale (temperature, insolazione, ecc.)
  • Stato agronomico dei terreni (per i pavimenti a griglia con inerbimento).
  • Tipo di piazzale desiderato (per parcheggi, via di transito, deposito mezzi pesanti, ecc.)
  • Economia di scala
area disperdente

Ricordiamo che, ovviamente, i pavimenti drenanti non disperdono il 100% dell’acqua nel sottosuolo, ma attorno al 75%; saranno da prevedere, quindi, anche piccoli sistemi di collettamento e dispersione in pozzo perdente (o invio in fognatura).

Un interessante articolo più approfondito lo potete leggere qui !

Per i calcestruzzi drenanti leggete qui !

Invarianza Idraulica

Allagamenti, traffico impazzito, risolviamo…

Allagamenti, traffico impazzito, risolviamo tramite gli studi d’invarianza idraulica !

Invarianza Idraulica
L’acqua

Ogni volta che piove qui attorno a Milano è l’apocalisse.

Guardate i titoli dei giornali:

ANSA

Il Corriere Milano

Il Cittadino di Monza e Brianza

Tutto questo è stato provocato dall’eccessiva impermeabilizzazione del territorio.

Invarianza Idraulica
Prova Infiltrometrica per il calcolo dell’invarianza idraulica

Ogni nuova strada, nuovo parcheggio, nuovo centro commerciale, nuovo edificio, corrisponde a sottrazione di metri quadri di terreno in grado di assorbire l’acqua piovana.

Non dimentichiamoci, poi, che il Cambiamento Climatico (innegabile) sta condizionando l’effetto delle precipitazioni.

Si è passati da piogge poco intense, prolungate per giorni (tipico clima autunnale padano) ad eventi estremi, concentrati in poche ore !

Dobbiamo ripensare l’edilizia e come essa si pone sul territorio.

La cosa migliore è azzerare il consumo di suolo, ma non sempre è possibile.

Per questo sono essenziali gli studi per “L’Invarianza Idraulica”.

Invarianza Idraulica
La misura dell’infiltrazione i foro di sondaggio

Per fare ciò sono necessari i geologi e la loro conoscenza del terreno.

Pensiamoci su, durante le nostre lunghe code in strada, con il traffico bloccato a causa dell’allagamento dei sottopassi, ecc.

Follow by Email
YouTube
Pinterest
LinkedIn
LinkedIn
Share
Instagram